World Pasta Day: la dieta mediterranea fa bene al gusto, alla salute e al pianeta.

Per ricordare l’importanza della nostra dieta mediterranea è stata istituita una Giornata Mondiale della Pasta. Quali sono i benefici effettivi? Come mai la dieta mediterranea è così amica dell’uomo e del pianeta?

Dichiarata nel 2010 patrimonio dell’umanità dall’Unesco, la dieta mediterranea è un regime alimentare antico.

Negli anni Cinquanta, Ancel Keys intuì il potenziale enorme e, per studiarla, mise in piedi un quartier generale a Pioppi, nel Cilento.

Quando il ricercatore morì, consegnò gli alimenti sotto la lente di ingrandimento degli scienziati: il risultato fu che per stare bene bisogna consumare verdura e frutta fresca, in quantità e varietà, frutta a guscio, legumi, cereali e derivati integrali, olio extravergine d’oliva. In più, il pesce. Latte e latticini sono presenti in misura moderata, mentre il consumo di carne è ridotto.

I ricercatori hanno dimostrato l’efficacia di questo modello alimentare nel proteggere la nostra salute prevenendo l’insorgere di molte patologie.

Quanto al rispetto dell’ambiente, si è notato che la dieta mediterranea, rispetto alle abitudini che oggi prevalgono nei Paesi industrializzati, riduce l’impatto sulle riserve di acqua e le emissioni di gas serra, tra i responsabili principali del riscaldamento globale.

Perchè? La carne e i latticini, alimenti poco presenti nella dieta nostrana, hanno un peso fortissimo.

I gas serra che derivano dal bestiame rappresentano circa il 14,5% delle emissioni del mondo ogni anno, quasi la stessa quantità di tutte le auto, i camion, gli aerei e le navi messi insieme.

Il 25 Ottobre è la giornata dedicata alla pasta che significa raccontare il piatto simbolo della Dieta Mediterranea.

Nel 2020 il mondo ha mangiato circa 17 milioni di tonnellate di pasta, un milione in più rispetto al 2019 e il doppio rispetto a dieci anni fa, con l’Italia a fare da capofila per produzione, consumi e export di

questo alimento. E anche nel 2021, i pastai confermano il loro impegno per nutrire il pianeta e ribadire il valore simbolico dello stare insieme e condividere un piatto di pasta.

Quest’anno la pasta ha un valore in più: nasce una gara di solidarietà lanciata da Unione Italiana Food per mostrare il “buono” della pasta. Con l’iniziativa #Haveagoodpasta, I pastai italiani si rivolgono ai pasta lovers per donare un piatto di pasta ai meno fortunati. Per partecipare, basterà postare fino al 25 ottobre sui propri canali social lo scatto di un piatto di pasta con l’hashtag #Haveagoodpasta.

Ogni scatto condiviso verrà caricato sul sito dedicato “AlDente” (http://aldente.worldpastaday.org/) e “caricherà” un contatore online fino al raggiungimento di 300 mila piatti di pasta, che i pastai italiani doneranno alle mense Caritas di quattro grandi città italiane: Milano, Roma, Napoli e Palermo, a unire idealmente la penisola in una spaghettata solidale.

Riconoscere lo straordinario valore di questo prodotto e del nostro regime alimentare in generale, è il core di Eleit. E anche la pasta così come l’olio saranno i protagonisti delle nostre nuove linee di oggetti.. Ma questa è un’altra storia che vi racconteremo presto!

About The Author

Leave Comment